Scopri il modello Spotify

Cosa può insegnarci la più famosa azienda di tecnologia musicale sulla scalabilità Agile

Mark Cruth Mark Cruth

Con un numero stimato di 286 milioni di utenti, Spotify è il servizio di abbonamento di streaming audio più grande e diffuso al mondo. Un aspetto fondamentale del successo di Spotify è l'esclusivo approccio adottato dall'azienda verso l'organizzazione del lavoro per migliorare l'agilità dei team. Mentre i team di ingegneri di Spotify percorrevano la strada che li avrebbe condotti verso una maggiore agilità, hanno documentato la loro esperienza, l'hanno condivisa con il mondo e alla fine hanno influenzato il modo in cui molte aziende tecnologiche organizzano il lavoro. Ora questo approccio è noto come modello Spotify.

Cos'è il modello Spotify?

Il modello Spotify è un approccio autonomo e basato sugli utenti per la scalabilità Agile che accentua l'importanza della cultura e della rete. Ha aiutato Spotify e altre organizzazioni a incrementare l'innovazione e la produttività concentrandosi su autonomia, comunicazione, responsabilità e qualità.

Il modello Spotify non è un framework, come ha osservato il coach di Spotify Henrik Kniberg, poiché rappresenta il punto di vista di Spotify sulla scalabilità sia dal punto di vista tecnico che culturale. È un esempio di organizzazione di più team nell'ambito di un'organizzazione di sviluppo del prodotto e sottolinea la necessità della cultura e delle reti.

...il modello Spotify è incentrato sul modo in cui strutturiamo un'organizzazione per consentire l'agilità.

Il modello Spotify è stato presentato al mondo nel 2012, quando Henrik Kniberg e Anders Ivarsson pubblicarono il white paper Scaling Agile @ Spotify, che presentava l'approccio radicalmente semplice verso l'agilità adottato da Spotify. Da allora si è parlato molto di questo modello, che si è diffuso nello spazio della trasformazione Agile. Il suo interesse risiede in parte nell'attenzione dedicata all'organizzazione del lavoro invece che all'utilizzo di un insieme specifico di pratiche. Nei framework di scalabilità tradizionali, alcune pratiche specifiche (ad es. gli stand-up giornalieri) rappresentano il modo in cui viene eseguito il framework, mentre il modello Spotify si concentra su come le aziende possono strutturare un'organizzazione per consentire l'agilità.

Il modello Spotify sostiene l'autonomia dei team, in modo che ciascun team (o Squad) scelga il proprio framework (ad es. Scrum, Kanban, Scrumban e così via). Le Squad sono organizzate in Tribe e Guild per far sì che le persone siano sempre allineate e per creare sinergie di conoscenze.

Ora, spieghiamo alcuni di questi termini...

Elementi chiave del modello Spotify

Il modello Spotify è incentrato sulla semplicità. Quando Spotify ha iniziato a organizzarsi riguardo al proprio lavoro, ha identificato alcuni elementi importanti su come le persone e i team dovrebbero essere strutturati.

Squad

Simili a team Scrum, le Squad sono team interfunzionali e autonomi (costituiti in genere da 6-12 persone) che si concentrano su una specifica area di funzioni. Ogni Squad ha una missione specifica che guida il lavoro, un coach Agile per l'assistenza e un owner di prodotto che fornisce indicazioni. Le Squad determinano quale metodologia/framework Agile verrà utilizzato.

Tribe

Più Squad che si coordinano nell'ambito della stessa area formano una Tribe. Le Tribe aiutano a creare allineamento tra Squad e, in genere, sono costituite da 40-150 persone allo scopo di mantenere l'allineamento (sfruttando ciò che definiamo il numero di Dunbar). Ogni Tribe ha un Tribe Lead che ha la responsabilità di coordinare le Squad e favorire la collaborazione.

Chapter

Anche se le Squad sono autonome, è importante che gli specialisti (ad es. sviluppatore JavaScript, DBA) siano allineati alle best practice. I Chapter costituiscono la famiglia di appartenenza di ogni specialista e aiuta a mantenere gli standard di progettazione nell'ambito di una disciplina. Sono in genere guidati da un Senior Technology Lead, che può anche essere il responsabile dei membri del team del Chapter specifico.

Guild

I membri del team che sono appassionati di un argomento specifico possono formare una Guild, che è essenzialmente una community di interesse. Chiunque può entrare a far parte di una Guild e la partecipazione avviene a titolo completamente volontario. Mentre i Chapter appartengono a una Tribe, le Guild possono essere comuni a diverse Tribe. Non esiste un leader ufficiale di una Guild, ma tutti possono intervenire per coordinarla e contribuire a riunire le persone.

Trio

Il Trio (noto anche come TPD Trio) è una combinazione di Tribe Lead, Product Lead e Design Lead. Ogni Tribe dispone di un Trio per garantire l'allineamento continuo tra queste tre prospettive quando si lavora sulle aree di funzioni.

Alliance

Man mano che le dimensioni delle organizzazioni crescono, a volte più Tribe devono lavorare a stretto contatto per raggiungere un obiettivo. Le Alliance sono una combinazione di Trio (in genere tre o più) che lavorano insieme per aiutare le Tribe di appartenenza a collaborare per il raggiungimento di un obiettivo più ampio.

Immagine del modello Spotify

È così. Non ci sono molte pratiche da seguire o cerimonie da tenere. Le Squad possono organizzare cerimonie come la pianificazione degli sprint e le retrospettive, ma il modello Spotify si concentra sul modo in cui i team si organizzano riguardo al lavoro. Spetta alle Squad trovare il modo migliore per svolgere il lavoro.

I vantaggi del modello Spotify

Quando Spotify ha cambiato la propria scalabilità in un'ottica Agile, voleva far sì che le Squad potessero procedere velocemente e rilasciare rapidamente software, il tutto con un livello minimo di impegno e difficoltà. L'azienda ha compreso questi e altri vantaggi man mano che continuava a sviluppare il proprio modello. I vantaggi organizzativi dell'implementazione del modello Spotify includono:

Processo e cerimonia meno formali

Il modello Spotify si concentra sull'organizzazione del lavoro e non necessariamente su processi e cerimonie. Ciò offre a un'organizzazione una maggiore flessibilità in termini di modalità di lavoro delle Squad. Invece di richiedere a queste ultime di cambiare il loro modo di lavorare attraverso l'adozione di un approccio Scrum, si concentra sul loro allineamento volto al raggiungimento dei risultati dei singoli team.

Più autogestione e autonomia

Il modello Spotify incoraggia l'autonomia e la creatività affidandosi alle persone per completare il lavoro che stanno svolgendo nel modo che ritengono opportuno. Devi rilasciare software? È un compito della Squad. Hai la necessità di cambiare direzione? Anche questo è un compito della Squad. Il modello Spotify si concentra sul decentramento del processo decisionale e sul trasferimento di tale responsabilità a Squd, Tribe, Chapter e Guild.

"Il controllo porta alla conformità; l'autonomia porta all'impegno".


- Dan Pink, autore del libro "Drive: The Surprising Truth About What Motivates Us"

Il modello Spotify può offrire una maggiore trasparenza su tutto il lavoro in corso e consentire lo sviluppo di un approccio alla risoluzione dei problemi maggiormente basato sulla sperimentazione in un ambiente altamente affidabile. Tutto ciò può determinare prodotti migliori, clienti più soddisfatti e un maggiore coinvolgimento dei dipendenti. Tuttavia, non tutti otterranno questi risultati.

Le sfide del modello Spotify

Il modello Spotify era basato sul modo di lavorare di un'organizzazione. Molte organizzazioni desiderano gli stessi vantaggi del modello Spotify, quindi cercano di emulare ciò che ha fatto Spotify. Alcune organizzazioni hanno avuto più fortuna di altre, ma è probabile che nessuna organizzazione abbia avuto lo stesso successo di Spotify. Il motivo? Come ogni modo di lavorare, è necessario tenere conto della cultura e della struttura attuali di un'organizzazione. Il modello è semplice, ma l'ambiente in cui viene implementato è complesso.

I dirigenti oculati personalizzano il loro approccio per adattarsi alla complessità delle circostanze che devono affrontare.

- Dave Snowden, Management Consultant

Purtroppo, molte organizzazioni cercano di copiare il modello Spotify. Ad alcune può sembrare una semplice struttura organizzativa a matrice in cui le persone riferiscono a un'area funzionale (Chapter), ma lavorano con un team interfunzionale (Squad). In realtà si tratta di un modello più complesso. Sebbene possa sembrare un'organizzazione a matrice, gli elementi culturali chiave del modello, come la fiducia e l'autonomia, devono essere presenti per consentire alla struttura di prosperare. Se un'organizzazione non cambia i suoi comportamenti (e, in ultima analisi, la sua cultura), i vantaggi del modello Spotify non verranno mai realizzati. Se ci si limita a rinominare i team in Squad, si sta semplicemente apportando una modifica cosmetica.

Best practice per i modelli Spotify

Se stai cercando di abilitare una cultura di fiducia, autonomia e apprendimento rapido, ispirarsi al modello Spotify non è mai una scelta sbagliata. Se la tua organizzazione sta prendendo in considerazione il modello Spotify per avvicinarsi all'approccio Agile su larga scala, ecco un elenco di best practice da tenere a mente.

Non copiare il modello

Cerca di comprendere la struttura, le pratiche e la mentalità che sono alla base dell'approccio di Spotify. Con questa comprensione, modifica gli aspetti del modello per adattarli al tuo ambiente. Il tuo obiettivo non è essere Spotify, ma sfruttare quel modello per migliorare la collaborazione nell'ambito della tua organizzazione.

L'autonomia e la fiducia sono fondamentali

Spotify ha dato la massima autonomia possibile ai propri dipendenti per aiutarli a cambiare rapidamente direzione. Ad esempio, ha consentito ai team di scegliere i propri strumenti di sviluppo e di modificare il codice di un altro team. All'interno della tua organizzazione, stabilisci se occorre prendere decisioni che possono essere demandate ai team invece di essere imposte da membri dell'organizzazione che poco hanno a che fare con il lavoro quotidiano.

Trasparenza con la community

Il successo di Spotify è attribuito alla sua attenzione verso la creazione della community e alla trasparenza riguardo al proprio lavoro. Crea la tua prima Guild riguardo all'adozione del modello Spotify e promuovi la partecipazione di tutti i membri dell'organizzazione. Crea fiducia adottando modi trasparenti e inclusivi per raccogliere feedback e ottenere allineamento sul modo in cui la tua organizzazione desidera lavorare in futuro.

Incoraggia gli errori

Durante questo percorso potrà capitare di inciampare e cadere, ma questo non è un problema. Migliorare significa sperimentare e imparare sia dai nostri successi che dai nostri fallimenti. Spotify ha effettuato molte iterazioni prima di raggiungere il modello che conosciamo oggi e da allora ha continuato a sperimentare per cercare costantemente nuove opportunità di migliorare il proprio modo di lavorare. Invita le persone all'interno della tua organizzazione a fare la stessa cosa.

Se ti concentri su queste pratiche, otterrai un impatto positivo sul modo in cui la tua organizzazione collabora e si allinea, indipendentemente dal fatto che utilizzi o meno il modello Spotify come guida.

In conclusione...

Il modello Spotify è una grande fonte di ispirazione se il tuo intento è creare un'organizzazione incentrata sulla capacità di attuare un cambiamento rapido con autonomia e convinzione. Anche i framework di scalabilità più formali, come Scrum@Scale, hanno tratto ispirazione dal modello (e viceversa). È importante ricordare che il modello Spotify non è una destinazione. Ironia della sorte, Spotify non sfrutta più l'implementazione originale del suo modello, ma lo ha cambiato e adattato per soddisfare le mutevoli esigenze dell'organizzazione. Trio e Alliance sono in realtà elementi più recenti in Spotify poiché sono stati creati per risolvere nuovi problemi che l'organizzazione ha dovuto affrontare man mano che cresceva. Iniziare con gli elementi chiave del modello Spotify può essere un punto di partenza, ma la vera agilità deriva dall'adattamento del modello al tuo contesto.

Passo successivo

Vuoi sapere di più sul modello Spotify? Guarda il video in due parti sulla cultura di progettazione di Spotify (Parte I e Parte II) pubblicato su Spotify Labs. Puoi anche scoprire come il modello Spotify si confronta con altri framework di scalabilità visitando la pagina dedicata all'Agile su larga scala in Agile Coach.

Se stai cercando di implementare il modello Spotify all'interno della tua organizzazione, è importante disporre di meccanismi di feedback e trasparenza per generare e sostenere una cultura di fiducia e autonomia. Sfruttando Jira Align di Atlassian, le organizzazioni possono organizzare le Squad in Tribe, formare Guild e Chapter e prendere decisioni trasparenti sui prodotti in tutta l'organizzazione.